il4imprevistocover“RESTI” (Full Heads/Audioglobe), il disco d’esordio della band partenopea IL QUARTO IMPREVISTO, è disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e su tutte le piattaforme streaming. L’album include il brano “Il Nostro Inverno” che propone un confronto tra gli inverni della vita: quelli intermedi che rappresentano le negatività e invogliano al desiderio di una nuova stagione e quelli dell’ultimo inverno della vita che tutti vorremmo congelare nel tempo.

Il disco, contiene 10 canzoni. Questa la tracklist: “Mire”, “Il Nostro Inverno”, “Da Lontano”, “Dopo Un Giorno”, “Mille”, “Non è Il Caso”, “Pagine”, “Pare Sia Normale”, “Tutto Sa Di Noi”, “Resti”.

La band “Il Quarto Imprevisto” proviene dall’hinterland napoletano ed è attiva dal 2012. Fondata da Antonio Gera (voce e chitarra acustica) e Giovanni Feliciello (chitarre, synth), vede in un secondo momento l’ingresso di Riccardo Schmitt (batteria, drumpad) e nel 2014 di Emiliano Berti (basso, contrabbasso).
Il Quarto Imprevisto si presenta al pubblico nell’aprile del 2012, con la pubblicazione di tre brani registrati in presa diretta presso gli studi di Casa Lavica. Si hanno in questo periodo le prime esibizioni live. L’ottimo riscontro da parte del pubblico li porta a produrre nella primavera del 2013 un prodotto audio/video con una sessione live di tre brani che rappresentano il loro percorso di crescita graduale. Questo primo lavoro dà seguito ad una serie di live e impegni promozionali (Citofonare Cuccarini – Rai Radio 1, Nano festival 2014 – primo posto e premio booking) utili a limare e a definire i contorni della band.
Il 2015 è l’anno dell’esordio ufficiale con “Resti” (uscito il 23 marzo), un disco che racconta l’eterna contrapposizione tra ragione e sentimenti. Dieci canzoni, dieci affreschi di emozioni, in cui la nuda umanità viene descritta e sezionata in un linguaggio musicale a metà strada tra cantautorato italiano e pop internazionale.
Lo sguardo attento su quello che accade dentro.
Una finestra aperta sul mondo interno, su quanto ci attraversa.
Le imprevedibili risposte dell’uomo alle sfide poste dall’esistenza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here