Il quartetto norvegese composto da Kjetil Møster (ascoltato di recente anche nel bellissimo ed incandescente album per Hubro When You Cut into The Present) ai sassofoni, Hans Magnus Ryan (storico chitarritsa dei Motorpsycho) alle chitarre, Ståle Størlokken (Supersilent, Elephant9) alle tastiere e Thomas Strønen (Food, Humcrush) alla batteria, dà alle stampe, tramite Rare Noise Records, l’album d’esordio “Reflections In Cosmo”. Nelle sette tracce in programma convergono flussi stilistici di diversa natura come il free jazz, la psichedelia tipica degli anni Sessanta, il rock progressive e una serie di richiami che spaziano senza soluzione di continuità nei paraggi del jazz rock. Sommi capi di una cifra stilistica che nasce dalla densità sonora che il quartetto costruisce attorno al reciproco ascolto, al piglio d’improvvisazione e alla modalità formale prossima a una jam session ispirata e priva di confini spazio-temporali.

Tracklist

1 Cosmosis
2 Ironhorse
3 Cosmic Hymn
4 Balklava
5 Perpetuum Immobile
6 Fuzzstew
7 Reflections in Cosmo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here