Ho ascoltato l’album questa mattina, mentre giocavo con i miei gatti in giardino. La musica in cuffia e l’odore dei fiori. La vista sul mare e una brezza leggera… una brezza che mi ha trasportato lontano tra i vicoli di Montmartre. Ho ricordato le tre cupole bianche del Sacre Coeur, i troppi turisti che affollano i vicoli. I negozietti, i pittori per strada e gli artisti che suonano, l’odore delle baguette e quel qualcosa di romanticamente primaverile… “Les Risques Du Metier” è album frizzante e leggero, adatto a questa primavera. Un piccolo universo nel quale chiunque è stato a Parigi può identificarsi. Non è un album innovativo, ma è lo stesso molto bello. Bénabar si dimostra poeta attento alla realtà e così tra malinconie e risate, il disco scorre come un film…
Un album del 2004 da rintracciare assolutamente.

Canzoni

1. Monospace
2. Dis-Lui Oui
3. Paresseuse
4. Je Suis De Celles
5. Vade Retro Téléphone
6. L’itinéraire
7. Sac À Main
8. La Station Mir
9. La Coquette
10. Les Mots D’amour
11. Monsieur René
12. Le Zoo De Vincennes

Credits

Accordion, Saxophone – Denis Grare
Arranged By – Fabrice Ravel-Chapuis*
Artwork By – Emilie Demarquay, Sébastien Nicolini
Bass – Florent Silve
Cello – Pierre Le Bourgeois
Chorus – Le Quartet Buccal
Clarinet – Hervé Coury
Drums – Paul Jothy
Engineer – Frédéric Commault
Engineer [Assistant] – Didier Pouydesseau, Tars Vervaeke
Executive Producer – Vincent Blaviel
Guitar [Additional] – Bertrand Belin
Guitar, Banjo – Alain Bulon Buisson*
Lyrics By, Music By, Vocals, Piano, Electric Piano [Rhodes] – Bénabar
Management – Marion Richeux
Mastered By – Ian Cooper
Mixed By – Alain Cluzeau, Maz*
Photography – Christophe Rihet
Piano, Organ, Electric Piano [Rhodes] – Fabrice Ravel Chapuis
Producer – Alain Cluzeau
Trombone – Matthias Mahler
Trumpet, Bugle – Martin Saccardy
Violin – Alexandre Amedro, Christophe Raymond

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here