Adam Nussbaum è uno dei più importanti e celebrati batteristi del Jazz contemporaneo. Cresciuto a Norwalk, Connecticut, e ha iniziato a suonare la batteria all’età di 12 anni dopo aver studiato pianoforte per cinque anni e anche basso e sassofono da adolescente.
Si trasferisce a New York City nel 1975 per partecipare alla Davis Center for Performing Arts presso il City College dove inizia a lavorare con Albert Dailey , Monty Waters, Joe Lee Wilson, Sheila Jordan e suona con Sonny Rollins nel 1977 a Milwaukee. Nel 1978 entra a far parte del quintetto di Dave Liebman e parte per il suo primo tour europeo con John Scofield.
Durante i primi anni ’80 continua a lavorare con John Scofield in trio con Steve Swallow. Nel 1983 diventa membro della Gil Evans Orchestra e suona anche con Stan Getz. In seguito si unisce a Eliane Elias / Randy Brecker Quartet, Gary Burton e Toots Thielemans.
Nel 1987 inizia il tour con il ” Michael Brecker Quintet” .
Nel 1988 registra ” Don’t Try This At Home” il disco vincitore di un Grammy.
Nel 1992 Nussbaum fa parte della Carla Bley Big Band e nello stesso anno John Abercrombie lo chiama per completare il suo trio.
Da allora Nussbaum è attivo in una vasta gamma di gruppi, tra cui un quartetto di recente formazione “BANN” con Seamus Blake, Jay Anderson e Oz Noy, una co-op quartetto ” Nuttree” (la traduzione letterale del suo nome, tedesco ” Nuss ” =” Nut ” e” Baum ” =” Tree ” ) con Abercrombie, Jerry Bergonzi e Gary Versace, il James Moody Quartet, ” We Three” con Dave Liebman e Steve Swallow, l’Eliane Elias Trio, ” Playing in Traffic” con Steve Swallow e Ohad Talmor, pur mantenendo un programma freelance attivo. In Italia collabora dal 2001 con Giovanni Mazzarino nel progetto “Jazz in Trio”, insieme anche a Steve Swallow. Questa lunga collaborazione ha trovato il suo apice nella produzione di PIANI PARALLELI.
Nussbaum ha insegnato come professore a contratto presso la New York University, il New School e l’Università dello Stato di New York a Purchase e svolge anche clinics e corsi di perfezira quelle dedicate al genere documentario in Italia.[31][32]

Approdato alla direzione artistica della Fondazione Benetton, per il quadriennio 2003–2007, nella sede del restaurato Palazzo Bomben avvia un complesso e ambizioso progetto culturale multidisciplinare avvalendosi di numerosi partenariati istituzionali e un fitto calendario di iniziative e innovativi progetti espositivi caratterizzati da una forte convergenza di linguaggi diversificati e una sistematica applicazione di tecnologie avanzate, estese ai processi della documentazione, della conservazione e della divulgazione delle attività per la quali viene istituito un apposito archivio reso accessibile alle diverse utenze. Il corpus delle numerose attività promosse alla direzione delle Iniziative Culturali è costituito da un ampio ventaglio di iniziative che spaziano nelle discipline artistiche e culturali più disparate: dagli incontri letterali, alle rassegne di video arte, alle commissioni di monologhi teatrali, tra cui il monologo della partigiana Carmen di e con Diana Hobbel all’attivazione di prolifici partenariati con case editrici come Adelphi, Mondadori, minimum fax e Liberi Libri e istituzionali tra cui il FAI Fondo Ambiente Italiano.onamento in tutto il mondo.

SHARE
Previous articleSteve Swallow
Next articleFabrizio Bosso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here