Andrea Casta, violinista, cantante ed entertainer internazionale chiude il 2017 e apre il 2018 con 4 live nei locali più esclusivi delle Alpi. Per chiudere l’anno si esibirà a Madonna di Campiglio: il 30 dicembre al Des Alpes Mood Club in consolle con Frankie P e Ciuffo, e il 31 al Piano 54 per il concerto del New Year’s Eve che proseguirà insieme al dj-set. Il 5 e 6 gennaio, dopo essere stato ospite delle celebrazioni per i 50 anni lo scorso inverno, tornerà sul palco del rifugio-locale più in dell’Alto Adige, il Moritzino a San Cassiano in Alta Badia, sempre a fianco del dj producer Luca Noale.

Casta, negli ultimi anni, con il suo violino elettrico, grazie a una collaborazione con i più importanti dj del mondo e la sua anima di globe trotter, è stato uno dei protagonisti indiscussi dei più prestigiosi locali e club in Italia e all’estero toccando ormai più di 20 nazioni nei suoi tour. Andrea, ormai portavoce dello stile italiano, si è esibito nelle notti di mezzo continente, dal 2010 compie circa un tour all’anno in Medio Oriente, dove ha suonato a Dubai, ad Abu Dhabi, in Bahrein, in Israele, in Libano e in Qatar. Altre mete largamente esplorate appartengono alle Repubbliche ex – sovietiche: Russia, Ucraina, Kazakistan, Turkmenistan. Nel 2015 ha compiuto un tour estivo che lo ha portato in Turchia, Grecia ed Azerbaijan, insieme ad occasioni che lo hanno portato a Mauritius, Seychelles, Egitto e Spagna. Anche i club dislocati nel nucleo centrale dell’Europa lo hanno ospitato: da Berlino ad Amsterdam, da Nizza a Londra, dalla Svizzera alla Croazia per arrivare fino a Repubblica Ceca e Romania.

Nel 2018 è pronto il suo ingresso nel mercato della musica dance con le sue produzioni originali. Le prime canzoni sono pronte ad essere pubblicate, sotto la regia di North Border Group, un management norvegese con grande esperienza nel seguire dj e artisti internazionali nel mercato della musica elettronica e dance. La produzione non proporrà brani isolati ma collegati tra loro in un racconto unitario: un progetto musicale, visuale e di racconto che vuole valorizzare le potenzialità del violino elettrico e le capacità sceniche sviluppate negli anni dall’Artista.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here