Lo spettacolo in solo è il contrario di quello che la parola lascia immaginare. Essere soli sul palco significa raccontare, cantare, suonare come se lo spettacolo fosse dedicato privatamente ad ognuno dei partecipanti, quindi si moltiplica e diventa un affollato scambio di confidenze.” Essere outsider significa per Folco ritornare allo spettacolo della vita, del cantastorie, della consumata capacità di essere stregoni e di saper stare sul palco, attraverso la complicità che in ogni concerto si crea con il pubblico che affolla le sue date. Dopo il successo di “Outside is my side” il suo quinto disco prodotto da Gino e Michele (produttori di Zelig, “Su la testa”, “Anche le formiche nel loro piccolo si incazzano”) continua l’outside tour, avrete di che divertirvi.

Folco Orselli in concerto

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here